DOLORE: NORD E SUD ITALIA DIVISI ANCHE DA QUESTO
DOLORE: NORD E SUD ITALIA DIVISI ANCHE DA QUESTO
NEL MERIDIONE SI 'URLA' DI PIU'

Parma, 6 nov. - (Adnkronos) - Italiani divisi anche da come affrontano il dolore. Al Sud si sopporta poco, gridando con facilita' per un mal di denti; al Nord si soffre in silenzio. Lo rivela il professor Paolo Poli, responsabile Terapia del dolore dell'Azienda ospedaliera Santa Chiara di Pisa e componente del direttivo della Societa' italiana clinici del dolore alla vigilia del VI Congresso nazionale che si apre domani a Parma.

''L'espressione del dolore e' un fatto prevalentemente socio-culturale - ha spiegato Poli all'Adnkronos - e nel nostro Paese cambia da Nord a Sud: intendiamoci, il dolore ha la stessa intensita', ma nelle regioni meridionali si tende ad urlare piu' facilmente, mentre al Nord si sopporta in silenzio. Le grida di dolore,i lamenti, non sono comunque un fatto negativo, anzi e' il contrario, perche' chi si chiude in se stesso dimostra una cultura piu' oppressiva, mentre il paziente meridionale e' incline all'espressivita', ad avere contatti con l'esterno, a dimostrare le sue sensazioni agli altri, quindi chiede di piu' il sollievo per il suo dolore''. (segue)

(Ria/Zn/Adnkronos)