IMPRECISI: BENIGNI IL PIU' VOTATO DAGLI ITALIANI
IMPRECISI: BENIGNI IL PIU' VOTATO DAGLI ITALIANI
A MILANO IL PRIMO CLUB

Roma, 6 nov. -(Adnkronos)- L'imprecisione non sempre e' un difetto. Anzi puo' essere una qualita' spesso fonte di grande successo nella vita e nella carriera.La pensa cosi' la maggioranza degli italiani che ha eletto Roberto Benigni re dell'approssimazione simpatica e fortunata. A votare il comico piu' anticonformista del belpaese, famoso per le sue folli improvvisazioni, e' stato il 24 per cento di un campione di 796 persone, di entrambi i sessi e di eta' compresa tra i 18 e i 65 anni, interpellato dal settimanale femminile ''Anna'', che pubblica il sondaggio sul numero che sara' in questi giorni in edicola.

Al secondo posto nell'insolita classifica si e' piazzato il campione azzurro di sci Alberto Tomba, indicato dal 17 per cento per via delle sue interviste e delle sue improvvise sfuriate. Al terzo posto il cantante shock dell'ultimo Festival di Sanremo, Elio (e le storie tese), 13 per cento, mai normale e conformista, sempre un po' fuori dalle righe. Al quarto e' finito un telecronista, Paolo Brosio, 12 per cento. Al quinto Renato Zero, 10 per cento, per il suo disco ''Imperfetto''. Tra gli altri imprecisi che dell'imprecisione hanno fatto un vero e proprio cavallo di battaglia per la loro professione, Serena Dandini, 6 per cento, Stefano Masciarelli, 4 per cento, Sabrina Ferilli, 3 per cento, Naomi Campbell, 3 per cento e Dalila Di Lazzaro, 2 per cento.

Vip a parte, per gli imprecisi e i distratti del mondo adesso esiste la possibilita' di riunirsi e stare insieme, per trasformare quello che e' considerato ''un grosso problema'' in virtu': a Milano infatti e' nato il primo club degli imprecisi, una associazione che riunisce tutti gli approssimativi e i disordinati. Loro riferimento ideale sono: Fiorello, Alessandro Bergonzoni e Woody Allen. (segue)

(Iac/Gs/Adnkronos)