MANI PULITE: IL PUNTO DELLE INDAGINI
MANI PULITE: IL PUNTO DELLE INDAGINI

Milano, 6 nov. (Adnkronos) - Ilda Boccassini, Francesco Greco, Gherardo Colombo e il procuratore capo Francesco Saverio Borrelli sono rimasti chiusi nell'ufficio di quest'ultimo dalle 16 alle 17.20 dopo che Greco e la Boccassini questa mattina si erano recati a La Spezia. Il vertice del Pool e' servito per valutare i rapporti con l'inchiesta ligure, specie nell'ambito del filone Eni. Proprio riguardo a questo filone i magistrati miilanesi volevano interrogare Pacini Battaglia ma il finanziere italo-svizzero non ha praticamente risposto alle loro domande. L'interrogatorio era stato deciso in previsione dell'udienza preliminare sull'inchiesta Eni che ricomincia martedi prossimo.

La visita di oggi dei magistrati milanesi a La Spezia sembra comunque che non abbia risolto alcuni problemi tra le due Procure. Al termine dell'incontro con gli inquirenti liguri, infatti, sono circolate voci di incomprensioni tra magistrati, voci comunque smentite in maniera ufficiosa dai protagonisti. Al termine del vertice Francesco Greco ha poi ripreso a studiare le 20 mila pagine di documenti provenienti dall'Inghilterra riguardanti l'inchiesta sui falsi in bilancio Fininvest. Greco sta valutando se questi documenti potranno essere utilizzati nel processo All Iberian che iniziera' tra due settimane. (segue)

(Dra/Pe/Adnkronos)