STET: ADUSBEF, OPERAZIONE OK, MA OCCORRONO I DETTAGLI
STET: ADUSBEF, OPERAZIONE OK, MA OCCORRONO I DETTAGLI
MEGLIO FONDERE STET IN TELECOM

Roma, 12 nov. -(Adnkronos)- Si' a Stet-Telecom, ma sono necessari chiarimenti. A chiederli e' l'Adusbef, l'associazione in difesa degli utenti di servizi bancari e finanziari, secondo cui la Consob dovrebbe sospendere i titoli interessati (Stet, Telecome e Tim) per evitare la speculazione in attesa dei necessari dettagli (dai rapporti di concambio a quale sara' la societa' incorporata e quale l'incorporante).

''Nella fretta di annunciare, a mercati ancora aperti, la fusione tra Stet e Telecom -spiega il presidente dell'Adusbef Elio Lannutti in una nota- il ministro del Tesoro Carlo Azeglio Ciampi ha dimenticato di fornire i dettagli, che ogni operazione del genere richiede, per garantire il corretto e trasparente funzionamento del mercato azionario ed evitare la speculazione''.

L'Adusbef, aspettanto le decisioni della Consob ed i dettagli dell'operazione, giudica ''positivamente la soluzione studiata dal tesoro che elimina un vero e proprio doppione nel mercato delle tlc, costituito a suo tempo al solo scopo ri creare rendite di posizione ai 'boiardi' di Stato. MA se il core business del gruppo Stet ed i conseguenti ricavi sono stati assicurati principalmente dalla gestione dei servizi telefonici di basem successivamente da quelli del radiomobile, perche' non incorporare Stet in Telecom, costituendo Super-Telecom o Super-Tim?''

(Red/Pn/Adnkronos)