STET: MARONI, E' SOLO UN GIRO DI POLTRONE
STET: MARONI, E' SOLO UN GIRO DI POLTRONE
LA FUSIONE NON C'ENTRA NIENTE CON LA PRIVATIZZARE

Roma, 12 nov. (Adnkronos)- La partecipazione rimane comunque tutta in mano Pubblica. ''E' una riorganizzazione all'interno del sistema pubblico, con giri di valzer e di poltrone. Probabilmente razionalizza il sistema, ma non c'entra niente con la manovra vera da fare che e' la privatizzazione''. Questo il commento di Roberto Maroni, esponente della Lega nord e portavoce del cosiddetto governo della Padania, all'annunciata fusione tra Stet e Telecom. ''Questo -dice- portera' probabilmente a un rinvio ulteriore delle privatizzazioni perche' la mega operazione di fusione, richiedera' tempo, energia e risorse e solo alla fine di questo processo si potra' parlare di privatizzazione''.

Secondo Maroni insomma ''e' un'operazione rivelatrice di quanto poco il governo creda nelle privatizzazioni. Non le vuole Rifondazione e non le vuole anche una parte del Polo. E allora si maschera per grandi operazioni cose che non cambiano la strategia dell'intervento pubblico nell'economia. Questa vicenda insomma -sottolinea- rivela la scarsa attitudine alle privatizzazioni e rinvia le dismissioni di aziende pubbliche''.

(Cre/Gs/Adnkronos)