USA: OCSE, OK L'ECONOMIA MA OCCORRE RIFORMA FISCALE
USA: OCSE, OK L'ECONOMIA MA OCCORRE RIFORMA FISCALE

Parigi, 12 nov. (Adnkronos/Dpa) - L'economia statunitense dovrebbe conseguire nei prossimi due anni una regolare crescita, accompagnata da inflazione e disoccupazione a livelli stabili. E' quanto rileva l'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Ocse) nel rapporto annuale sugli Stati Uniti, aggiungendo che Washington dovra' pero' attuare una serie di riforme fiscali per mantenere la dinamicita' dell'economia. Secondo l'Ocse, il tasso di crescita del pil americano dovrebbe aggirarsi nei prossimi 18 mesi attorno al due per cento. Nello stesso periodo, la disoccupazione dovrebbe rimanere fra il cinque e il 5,5 per cento, livello che viene definito di piena occupazione ed e' invariato dal 1995. Per quanto riguarda l'inflazione, e' previsto un tasso del tre per cento, ma secondo l'organizzazione internazionale con sede a Parigi alcune pressioni inflattive potrebbero derivare dall'instabilita' salariale.

Critico e' il rapporto dell'Ocse sulla situazione fiscale americana: le prospettive a medio termine sono ''mediocri'', a meno che non vi sia una seria riforma e ''non si raggiunga un accordo sul bilancio pubblico, volto a ridurre la spesa''. In particolare, il rapporto giudica fondamentali le riforme nella sanita' pubblica e nella deregolamentazione dei servizi finanziari. Il fisco e la previdenza sociale sono stati riformati, ma ''necessitano una maggiore attenzione in futuro''.

(Red/As/Adnkronos)