MOSTRE: ANTONIO MARINONI A BASSANO (2)
MOSTRE: ANTONIO MARINONI A BASSANO (2)

(Adnkronos) - Nel 1827 si trasferi' a Napoli per collaborare alla grande impresa litografica Viaggio pittorico nel Regno delle Due Sicilie, edito tra il 1828 e il 1834. Percorse Napoli la provincia, la Puglia, la Campania, la Basilicata, la Sicilia, a piu' riprese, fra il 1827 e il 1831. Rientrato a Roma, dove ebbe uno studio assai rinomato e frequentato sino al 1846, ritorno' in Veneto ripetutamente e fece un viaggio in Francia e in Inghilterra nel 1843.

Dal 1846 al 1849 si trasferi' a Venezia, dove pure opero' intensamente; dopo la rivoluzione del '48 si ritiro' nella citta' natale e dipinse fino al 1853. Singolare il destino delle sue opere: alla morte lascio' un tesoro di 530 disegni raccolti in taccuini di viaggio e in fogli sparsi, fortunatamente acquistate dal Civico museo di Bassano e salvati cosi' dalla dispersione ereditaria.

Nel testamento del 17 maggio 1871, sette mesi avanti la morte, lego' 240 dipinti al Consorzio nazionale pere il risanamento del debito pubblico istituito a Torino nel 1866; dipinti che, distribuiti per tutta Italia attraverso i Comitati locali, sono andati a disperdersi fra municipi, prefetture, civici musei, collezionisti e privati, tanto che e' arduo oggi ricostruire il cammino della donazione. (segue)

(Com/Pe/Adnkronos)