AFGHANISTAN: DISERTANO PREGHIERE, ARRESTATI IN 60
AFGHANISTAN: DISERTANO PREGHIERE, ARRESTATI IN 60

Islamabad, 26 nov. -(Adnkronos/Dpa)- I Taleban continuano ad usare il pugno di ferro contro chiunque contravvenga alle regole religiose imposte nelle province afghane da loro controllate. L'agenzia di stampa afghana islamica Aip ha dato notizia dell'arresto a Jalalabad di 60 persone colpevoli di aver disertato le preghiere in moschea. L'amministrazione della citta' dell'Afghanistan orientale aveva precedentemente ordinato a tutti i residenti maschi di recarsi alla moschea, pena dieci giorni di carcere. A tutte le popolazioni da loro sottomesse, i Taleban -che lo scorso 27 settembre sono entrati a Kabul- hanno imposto la ''sharia'', il codice coranico, ordinando agli uomini di farsi crescere la barba ed alle donne, alle quali e' stato tra l'altro proibito di continuare a lavorare, di indossare un lungo velo che lascia scoperti solo gli occhi.

(Nap/Zn/Adnkronos)