THAILANDIA: FINGE RAPIMENTO E SI DIVERTE CON RISCATTO GENITORI
THAILANDIA: FINGE RAPIMENTO E SI DIVERTE CON RISCATTO GENITORI

Londra, 26 nov. (Adnkronos)- Ha finto di essere stato rapito da una banda di thailandesi senza scrupoli, ha supplicato i genitori di pagare il riscatto -alla fine ha ottenuto cinquemila sterline, circa 12 milioni di lire- che i rapitori, sosteneva, chiedevano per la sua liberazione ed ora, con quei soldi, se la spassa con una giovane thailandese. Peter Chetnik, 30 anni, impiegato del governo britannico, era arrivato in Thailandia nell'aprile scorso, dopo aver preso un anno sabbatico, raccontano gli increduli genitori, per scrivere un libro. Rimasto quasi subito senza soldi, nel timore che la madre, Maria, 60 anni, ed il padre, Peter, 72, glieli rifiutassero, aveva escogitato il finto rapimento.

Circa sei mesi fa -riporta il ''Times'' di oggi- l'uomo aveva telefonato ai genitori, raccontando di essere stato rapito da un gruppo di banditi, ''molto arrabbiati'', che per la sua liberazione avevano chiesto un riscatto: ''Mamma tirami fuori di qui'', aveva implorato Chetnik in una delle innumerevoli telefonate, delle quali fu poi messo a conoscenza anche il Foreign Office. Spaventati, i genitori avevano subito mandato del denaro, ma Peter continuava a telefonare, sostenendo che non era abbastanza e che i rapitori volevano altri soldi. Ma nei giorni scorsi la truffa e' venuta alla luce: la polizia thailandese ha individuato Chetnik -che non potra' essere perseguito- a Cha-am, una localita' balneare a sud del Paese, dove vive felice e contento insieme ad una ragazza di 23 anni.

(Nap/Pe/Adnkronos)