CONSULTA: IL POLO INSISTERA' SU PAZZAGLIA
CONSULTA: IL POLO INSISTERA' SU PAZZAGLIA
LE ASSENZE DEI SENATORI ED I DUBBI SUL PDS

Roma. 11 dic. (Adnkronos)- Candidato che perde non si cambia. Nonostante la terza 'bocciatura' consecutiva - e malgrado non sia bastato, stavolta, l'ingresso in campo, in prima persona, di Silvio Berlusconi che, in una lettera ai parlamentari del centro-destra ha caldeggiato ieri la presenza in aula e il voto per l'ex parlamentare missino - il Polo insiste su Alfredo Pazzaglia come candidato per il posto vacante di giudice della Corte Costituzionale. Ed e' pronto a ripresentarlo nella prossima votazione, la settima per sostituire Vincenzo Caianiello.

Del resto, sottolineano i vicepresidenti dei deputati di Fi alla Camera Giorgio Rebuffa e Peppino Calderisi, ''Valerio Onida e Carlo Mezzanotte furono eletti alla nona votazione...''. Secondo i due esponenti azzurri, all'origine della nuova bocciatura di Pazzaglia ci sarebbero le ''numerose assenze dei senatori, alle prese con la finanziaria''.

Anche per Giulio Maceratini, capogruppo di An al Senato, ''e' ovvio che il Polo insistera' sulla candidatura dell'on. Pazzaglia''. Maceratini mostra un certo ottimismo. ''L'intervento del presidente Berlusconi -sottolinea- ha permesso di raggiungere un risultato che, seppur non soddisfacente, possiamo definire buono poiche' Pazzaglia ha superato la soglia dei 500 voti, nonostante il calo consistente di votanti''. Al candidato del Polo erano andate nei precedenti tentativi rispettivamente 493 e 496 preferenze. (segue)

(Rao-Sam/Zn/Adnkronos)