ITALIANI ALL'ESTERO: ZUCCONI, ERGASTOLO AI MEDIA
ITALIANI ALL'ESTERO: ZUCCONI, ERGASTOLO AI MEDIA

Milano, 11 dic. - (Adnkronos) - Nel processo all'informazione italiana all'estero, Vittorio Zucconi, corrispondente dagli Stati Uniti de ''La Repubblica'', si sente imputato e pubblico ministero e, in questa veste, chiede l'ergastolo per i media italiani. ''Noi fornitori -ha detto il giornalista, intervenuto oggi alla Conferenza Mondiale di Milano su una politica dell'inforamazione italiana all'estero- siamo colpevoli di una radicata indifferenza nei confronti del mondo dell'emigrazione, ignorato e spesso disprezzato. Ci si occupa di italiani all'estero solo in determinate occasioni, quando un nostro connazionale e' coinvolto in vicende criminali, oppure quando diventa una star del cinema, quando, dunque, diventa lo stereotipo dell'italiano all'estero''.

Secondo Zucconi, il problema per i nostri connazionali nel mondo non e' solo rappresentato da una inforamzione ''svogliata e distratta'', ma anche dai consolati italiani all'estero che funzionano poco e male e che dovrebbero anche loro fare informazione, essere l'immagine del nostro paese.

(Nap/Zn/Adnkronos)