TV: BERTINOTTI CONFERMA, NO ALLA PROROGA DELLE CONCESSIONI (2)
TV: BERTINOTTI CONFERMA, NO ALLA PROROGA DELLE CONCESSIONI (2)
LA GUERRA E' GUERRA, GOVERNO METTA FIDUCIA SUL SALVA-RAI

(Adnkronos) - L'accordo che si sta cercando non deve penalizzare la Rai. In questo senso Bertinotti invita il governo a lanciare un segnale forte. ''Mi pare di capire che c'e' una pressione molto forte dell'opposizione per ottenere uno scambio. A noi -ha continuato il segretario del Prc- non piacciono i voti di fiducia ma se il governo vi dovesse ricorrere sono disposto a dire di si'. Perche' di fronte ad un'opposizione che fa l'ostruzionismo e che addirittura propone quale e' la merce dello scambio, allora si va in Parlamento, si mette la fiducia e poi si va votare. A la guerre comme a la guerre...''.

Per ora, precisa Bertinotti, la priorita' e' l'approvazione della finanziaria. La questione-tv puo' essere affrontata dopo il disco verde alla manovra economica. ''Penso che bisognerebbe provare a risolvere la questione sia della finanziaria che dei decreti sull'emittenza senza uno scambio. Il governo ha accumulato un ritardo sulla legge per l'editoria e sul settore radiotelevisivo. Prima portiamo a termine la finanziaria poi -ha concluso Bertinotti- discutiamo e proviamo a vedere qual e' l'urgenza piu' immediata del settore radiotelevisivo. Secondo me la cosa piu' immediata, per quanto riguarda il versante pubblico, e' la conversione del decreto salva-Rai; dall'altro lato l'applicazione della sentenza della Corte Costituzionale sulle frequenze tv''.

(Ruf/Pe/Adnkronos)