MEDIOBANCA: TENGONO I GRANDI GRUPPI NEL PRIMO SEMESTRE '96 (2)
MEDIOBANCA: TENGONO I GRANDI GRUPPI NEL PRIMO SEMESTRE '96 (2)

(Adnkronos) - Nel primo semestre, dunque, le aziende industriali (cioe' produttrici di beni e servizi escludendo banche e assicurazioni, secondo i criteri anglosassoni) hanno registrato una crescita del fatturato dell'1,6 per cento sullo stesso semestre '95; frutto della media fra la crescita del 3,8 per cento delle vendite interne in fatturato (non depurata dall'aumento dei prezzi) e il calo dell'1,1 per cento del fatturato dall'export.

L'utile netto e' calato del 18 per cento sempre sull'analogo periodo '95, mantenendosi comunque soddisfacente (su 100 lire di utile ne sono venute a manacare 18) per l'insieme delle societa', anche visti gli alti livelli dei profitti '95. Disaggregando il calo degli utili sostanzialmente per un mezzo punto sul fatturato questo e' dovuto al deterioramento della competitivita' ovvero all'andamento della lira, mentre un altro punto e' perso per il calo delle partite straordinarie, compensate pero' da un analogo calo degli oneri finanziari.

I dati di Mediobanca permettono di calcolare una riduzione del 2,3 per cento del costo del denaro per i grandi Gruppi industriali che, sempre nel semestre, hanno ridotto i loro debiti finanziari di 10mila miliardi, mantenendo un buon livello di autofinanziamento. Non riduzione ma stabilita', invece, per il costo del lavoro, sempre sul fatturato. Gli investimenti poi risultano invariati rispetto al primo semestre '95, ma in calo rispetto al secondo. In sintesi sembra delinearsi per i grandi Gruppi industriali una tendenza al blocco dell'espansione e ad un contemporaneo aggiustamento della situazione finanziaria, come dire una situazione di attesa.(segue)

(Car/Zn/Adnkronos)