DIVIETO DI FUMO: GUARINIELLO, INNOVATIVA DECISIONE CONSULTA
DIVIETO DI FUMO: GUARINIELLO, INNOVATIVA DECISIONE CONSULTA
COME EXTREMA RATIO SARA' POSSIBILE VIETARE IL FUMO

Roma, 20 dic. -(Adnkronos)- ''Divieto di fumo da parte del datore di lavoro? Questa sentenza lo rende possibile. E sta in questo la portata innovativa della decisione della Corte Costituzionale''. E' quanto afferma il procuratore aggiunto presso la pretura di Torino, Raffaele Guariniello, che danni si occupa del problema fumo nei luoghi di lavoro. ''Se e' vero che la Corte ha ritenuto sufficienti le attuali norme vigenti in materia -spiega Guariniello all'Adnkronos- e' altrettanto vero che la Consulta ha ribadito l'obiettivo primario e cioe' quello di garantire aria salubre in quantita' sufficiente ai lavoratori, obbiettivo -continua il magistrato- che puo' essere raggiunto in modi diversi e tra questi, come exetrema ratio, e' compreso anche il divieto di fumo impartito dal datore, come e' accaduto nei locali del quotidiano ''La Stampa'' di Torino''.

Ed infatti le motivazioni della sentenza, nel portare ad esempio le modalita' di intervento da parte del datore di lavoro, parlano anche di ''eventuali divieti''. ''Ma c'e' di piu' -conclude Guariniello- il venir meno sia da parte del lavoratore che del datore di lavoro degli obblighi relativi alla tutela della salute (la vigilanza da parte del datore di lavoro sul divieto di fumo da lui eventualmente impartito e il rispetto del divieto da parte del lavoratore) costituisce reato, punibile anche con l'arresto''.

(Vlo/Pe/Adnkronos)