TV: VESCOVO MOBILITA PRETI, VIGILATE SU PROGRAMMI OSE'
TV: VESCOVO MOBILITA PRETI, VIGILATE SU PROGRAMMI OSE'
'ESORTATE I FEDELI AL BLACK OUT TELEVISIVO'

Roma, 20 dic. (Adnkronos) - Per combattere il troppo sesso e la troppa violenza in tv, un vescovo ha deciso di mobilitare tutti i parroci della sua diocesi: ''vigilate sui programmi che vengono trasmessi e 'puniteli', se eccedono, esortando i vostri fedeli al black out televisivo''. Da qualche mese a questa parte, infatti, la diocesi di Cefalu', per volonta' di monsignor Rosario Mazzola e' impegnata a ''monitorare'' accuratamente i contenuti e le immagini di spot pubblicitari, talk show, film, telefilm e telenovelas trasmessi da Rai, Fininvest, Telemontecarlo ed emittenti locali. Non solo. Per aiutare i sacerdoti nel difficile compito ha distribuito un ''sussidio'' di 50 pagine dal titolo ''Corso parrocchiale di educazione ai mass media'' dove vengono elencate le iniziative da prendere in presenza di eccessi televisivi.

Qualche esempio. Se qualche spot pubblicitario offende la dignita' della persona, occorre ''raccogliere firme, anche fuori dalle chiese -spiega Mario Macaluso, portavoce del vescovo- da inviare all'ente radiotelevisivo che ha ecceduto''. Per evitare che i bambini guardino programmi troppo violenti ''ogni parrocchia dovra' istituire uno speciale osservatorio di famiglie col compito di vigilare su cio' che guardano i ragazzi''. E ancora. Per capire i motivi che spingono tante donne a seguire le telenovelas, i parroci dovranno ''organizzare dei dibattiti e predisporre indagini al fine di capire le motivazioni'' che sono alla base di questo fenomeno. Se poi alcuni programmi per ragazzi sono davvero da scartare per i contenuti, allora si ricorre all'estremo rimedio ''esortando il black out televisivo''. (segue)

(Gia/Pe/Adnkronos)