FINANZIAMENTO PARTITI: MUSSI, NON SI PARLA DI DEPENALIZZAZIONE
FINANZIAMENTO PARTITI: MUSSI, NON SI PARLA DI DEPENALIZZAZIONE

Roma, 20 dic. -(Adnkronos)- ''Nella legge che discutiamo oggi, non c'e' la depenalizzazione, che verra' affrontata nell'ambito del provvedimento piu' generale sulla depenalizzazione dei reati minori''. Fabio Mussi conferma l'uscita del cosiddetto emendamento Giovanardi dalla legge sul finanziamento dei partiti. ''Del resto- aggiunge il capogruppo della Sinistra Democratica a Montecitorio- in galera per la violazione della vecchia legge sul finanziamento pubblico non c'e' quasi nessuno, perche' in genere questo reato e' accompagnato ad altri piu' gravi come la corruzione, la concussione, il falso in bilancio e l'abuso d'ufficio''.

Quella che si appresta a discutere la Camera, aggiunge Mussi, ''e' una legge nuova, civile, fondata sulla contribuzione volontaria dei cittadini alla societa' civile, perche' il finanziamento pubblico e' fondato sul metodo del quattro per mille sul 740. In questo modo i cittadini decidono di dare o non dare soldi ai partiti e all'attualita' politica''.

(Rao/Pn/Adnkronos)