MOSTRE: A ROMA LA MARCIA DEL GENERALE BONAPARTE (2)
MOSTRE: A ROMA LA MARCIA DEL GENERALE BONAPARTE (2)

(Adnkronos) - Nella lunga vicenda dell'econografia napoleonica, attraverso le mutazioni dell'avvincente e controversa parabola che va dal liberatore all'imperatore, dagli altari alla polvere, forse l'immagine del generale e la visualizzazione della prima gloriosa Campagna d'Italia sono rimaste piu' sfuocate e meno conosciute.

La rapida marcia aperta solennemente dal giovane Bonaparte con il celebre proclama del 27 marzo 1976: ''Soldati, voi siete nudi, mal nutriti; il governo vi deve molto e nulla puo' darvi. La pazienza e il coraggio che dimostrate in mezzo a queste rocce sono ammirevoli; ma non vi procurano alcuna gloria; nessuna luce vi illumina. Io voglio condurvi nelle piu' fertili pianure del mondo. Ricche provincie, grandi citta' saranno alla merce' vostra; vi troverete onore, gloria, e ricchezze''.

E' grazie al contributo, tra gli altri, di Appiani, Gros e David, i protagonisti stessi della fase celebrativa, che nasce in questi due anni, 1796 e 1797, la leggenda napoleonica. Mentre i pur numerosi resoconti delle vicende militari rimangono (in particolare le serie acquarellate di Bagetti, o quelle incise da Vernet o dai due Lasinio) una testimonianza eminentemente documentaria e topografica, e' al ritratto che viene affidata la trasposizione dell'immagine di Napoleone da quello della realta' al territorio del mito.

(Com/Gs/Adnkronos)