MOSTRE: A ROMA ''MERENDINE'' DI CHIARA RAPACCINI (3)
MOSTRE: A ROMA ''MERENDINE'' DI CHIARA RAPACCINI (3)

(Adnkronos) - Marginalita' materico-visive sono le opere di Chiara Rapaccini che, per ricercta conformazione, scoccano con maggiore facilita' contenuti aggressivi e dinamici da irruenza futurista, dall'eleganza irraggiungibile e lontanissima (vedi i colori da fondale) e flessuosa, morbida e ritmica come echi canori di sirene, ammalianti e mortali.

Il ''Ti voglio bene ma non ti amo'' (altro libro per bambini) o case e vestiti tutti da rifare, ''impossibili'', banali e per niente stimolanti, costituiscono la realta' da ridisegnare, quella di Debbora che trascinera' il suo nome perche' e' quello dell'eroina di ''Lacrime e sangue''.

(Com/Gs/Adnkronos)