OMICIDIO GUCCI: DIVORZIO TRA EX CONIUGI ERA EFFETTIVO
OMICIDIO GUCCI: DIVORZIO TRA EX CONIUGI ERA EFFETTIVO
PRIMA DELL'ASSASSINIO

Milano, 3 feb. (Adnkronos) - Patrizia Reggiani, l'ex signora Gucci ora in carcere con l'accusa di essere stata la mandante dell'omicidio del marito, era gia' formalmente divorziata dall'imprenditore milanese quando quest'ultimo venne assassinato. Il divorzio, infatti, deciso in un primo tempo in Svizzera, era stato in seguito ratificato dall Corte d'Appello di Milano nel novembre del 1994. La sentenza, quindi, passati i 60 giorni per le notifiche, era passata in giudicato a meta' febbraio, un mese e mezzo prima del mortale agguato dell'imprenditore milanese. Patrizia Reggiani, quindi, non era piu' l'erede di Gucci nel marzo del 1995.

Nella causa la signora era stata assistita dall'avv. Mino Auletta, ora testimone nell'inchiesta penale che vede la signora accusata di aver promosso l'assassinio del marito. Il divorzio, spiega comunque il legale, prevedeva che il marito avrebbe riconosciuto alla signora un vitalizio di circa un miliardo all'anno. In piu' un altro mezzo miliardo Maurizio Gucci lo avrebbe versato per il mantenimento delle figlie, Alessandra ed Allegra.

Nella trattativa, la signora aveva anche ottenuto l'usufrutto della casa in cui viveva e secondo quanto ha dichiarato l'avv. Aueltta, Gucci aveva provveduto a far fronte agli impegni che erano stati assunti nei confronti della moglie e delle figlie addirittura l'anno precedente alla dichiarazione di efficacia del divorzio in Italia. Sui risvolti penali della vicenda, comunque, l'avv. Auletta preferisce mantenere il piu' stretto riserbo: ''sono un teste -si e' limitato a dichiarare- e non voglio contribuire ad inquinare i risultati del lavoro che gli inquirenti stanno svolgendo''.

(Cri/Gs/Adnkronos)