OMICIDIO GUCCI: PM NOCERINO, NON SI POTEVA SCOPRIRE PRIMA (2)
OMICIDIO GUCCI: PM NOCERINO, NON SI POTEVA SCOPRIRE PRIMA (2)

(Adnkronos) - Nocerino indago' all'inizio sulle attivita' finanziarie di Gucci, che dopo aver venduto la sua parte nella societa', si era trovato con una grande liquidita', valutata in cento miliardi. In particolare l'indagine riguardo' l'ipotesi di un casino' da costruire in Svizzera e un prestito molto consistente fatto a Gucci da Delfo Zorzi, un italiano da tempo trasferito in Giappone, coinvolto nelle indagini su Piazza Fontana.

Con le rivelazioni di questo testimone, che non e' un pregiudicato, le indagini sono partite nella direzione della ex moglie e grazie ad un agente infiltrato nel gruppo, e a numerose intercettazioni, sono giunte rapidamente agli arresti del 31 gennaio. Nocerino ha voluto sottolineare ''che non ci sono pentiti''.

Tra le intercettazioni una riguarda il momento in cui gli indagati seppero della proroga delle indagini: ''erano terrorizzati. Sapevano di correre dei rischi e per questo -ha concluso Nocerino- decisero di chiedere altri soldi alla Reggiani. Pensarono di minacciarla e addirittura uno disse 'ci prendiamo la sua testa'''.

(Dra/Gs/Adnkronos)