PIRATERIA: IN AUMENTO NEL '96, IN TESTA INDONESIA E BRASILE
PIRATERIA: IN AUMENTO NEL '96, IN TESTA INDONESIA E BRASILE

Kuala Lumpur, 3 feb. (Adnkronos/Dpa) - Nel 1996 sono aumentati nelle acque di tutto il mondo gli episodi di pirateria, che sono passati dai 170 del '95 ai 175 dello scorso anno. Lo ha reso noto un rapporto del Centro di Pirateria, basato a Kuala Lumpur, dell'''International maritime bureau'', precisando che in testa alla classifica delle zone ad alto rischio di pirateria si piazzano Indonesia e Brasile -rispettivamente con 53 e 16 attacchi nel 1996- seguiti dalla Thailandia, con 13 attacchi, e dal triangolo formato da Cina, Hong Kong e Macao, dove in parita' con l'India sono stati registrati lo scorso anno nove attacchi. La lista si chiude poi con lo Sri Lanka -con otto attacchi di pirateria- le Filippine -sette- e la Malaysia -cinque. Le imbarcazioni piu' colpite sono state, secondo il rapporto, quelle battenti bandiere di Cipro, Liberia, Malaysia, Paesi Bassi, Norvegia, Panama e Singapore.

Nel diffondere i dati, il Centro di Pirateria ha espresso preoccupazione, denunciando che gli attacchi si sono fatti sempre piu' violenti negli ultimi tempi, in particolare a danno di navi container, navi cisterna e cargo. Una nota di critica e' poi andata al governo brasiliano, accusato dall'International maritime bureau di non aver adottato adeguate misure nella lotta alla pirateria, e di non aver soccorso in passato alcune navi che avevano lanciato l'Sos.

(Red/Gs/Adnkronos)