ZAIRE: GUERRA FINANZIATA DA PARIGI, ACCUSA IL RUANDA (2)
ZAIRE: GUERRA FINANZIATA DA PARIGI, ACCUSA IL RUANDA (2)

(Adnkronos) - Secondo quanto riferito dalle fonti vicine all'entourage del 66enne ed infermo ''Grande Leopardo'', Mobutu avrebbe intenzione di tornare in Zaire l'8 febbraio. Stando a quanto riportato ieri dal giornale francese ''Le Monde'', l'uomo che governa ed incarna lo Zaire dal 1965 aveva rifiutato la richiesta per un incontro la settimana scorsa con l'Alto commissario per i rifugiati delle Nazioni Unite (Acnur), la giapponese Sadako Ogata, adducendo a motivazione le sue precarie condizioni di salute.

In attesa del ritorno del suo vecchio avversario Mobutu, da Goma, alla frontiera con il Ruanda, il leader dell'Adfl Kabila, le cui forze hanno occupato negli ultimi tre mesi gran parte delle regioni orientali zairesi del Kivu, ha lanciato un ultimatum al governo di Kinshasa: se non accettera' l'avvio di un colloquio di pace entro il 21 febbraio, i ribelli torneranno all'offensiva.

Ma da Bruxelles, dove e' appena rientrata da una missione esplorativa in Zaire, il Commissario Europeo per le Questioni Umanitarie, Emma Bonino, ha dichiarato che vi sarebbero oltre mezzo milione di profughi hutu dispersi nelle province orientali zairesi, 200mila dei quali concentrati nel campo di Tingi Tingi senza acqua ne' cibo, con temperature superiori ai 35 gradi e in condizioni sanitarie disastrose. ''Mi sembra di essere tornata dall'inferno -ha dichiarato la Bonino- La comunita' internazionale dovra' occuparsi di questa vicenda. E' in gioco la credibilita' delle Nazioni Unite''.

(Lun/Pn/Adnkronos)