COREA: IDEOLOGO HWANG, SONO PRONTO A MORIRE A PECHINO
COREA: IDEOLOGO HWANG, SONO PRONTO A MORIRE A PECHINO

Seul, 15 feb. (Adnkronos/Dpa)- ''Sono pronto a rimanere a Pechino fino alla mia morte''. Facendo sfoggio di pazienza orientale, l'ideologo nordcoreano Hwang Jang Yop, 72 anni, che ha chiesto asilo quattro giorni fa all'ambasciata di Seul a Pechino assieme al suo collaboratore Kim Duk Hong, 59 anni, fa sapere che non intende tornare indietro sulla sua decisione. Ma Pyonygang ribadisce che sono tutte bugie: Hwang non avrebbe mai detto nulla del genere, anzi ''sta lottando per tornare nel suo paese, ma e' trattenuto dai suoi carcerieri''.

Le autorita' cinesi hanno intanto rafforzato le misure di sicurezza attorno all'ambasciata: l'intero isolato e' circondato da veicoli della polizia e soldati in armi. Piu' a distanza un gruppo di nordcoreani, che si qualificano come studenti, continuano a vegliare.

Uno speciale inviato di Seul e' arrivato ieri a Pechino, ma per ora non vi sono indicazioni di suoi incontri con esponenti cinesi, anche se la Corea del Sud afferma che il negoziato continua, dopo l'incontro di ieri a Singapore fra i due ministri degli Esteri. Circola intanto la voce, non confermata, che questa mattina si arrivata nella capitale cinese anche una delegazione nordcoreana. La Cina e' stretta fra le opposte richieste dell'importante partner commerciale sudcoreano e del vecchio alleato nordcoreano, e ha fatto sapere che per trovare una soluzione ''ci vorra' del tempo''. (segue)

(Civ/Zn/Adnkronos)