CLONAZIONE: CLINTON CHIEDE MORATORIA AI LABORATORI PRIVATI
CLONAZIONE: CLINTON CHIEDE MORATORIA AI LABORATORI PRIVATI

Washington, 4 mar. (Adnkronos/Dpa) - Il Presidente americano Bill Clinton ha chiesto ai laboratori privati negli Stati Uniti una auto moratoria nelle ricerche sulla clonazione degli esseri umani. Almeno in attesa di un chiarimento delle implicazioni scientifiche ed etiche sollevate dalle tecniche che in Scozia hanno portato alla nascita della pecora Dolly, il primo mammifero clonato da un individuo adulto.

Clinton, che ha ammonito gli scienziati dal tentare di ''sostiuirsi a Dio'', ha paragonato le ricerche sulla clonazione a quelle per la fissione del nucleo dell'atomo, per il carico di responsabilita' da cui devono essere sostenute oltre che per i potenziali benefici apportati. ''Dobbiamo affrontare il problema non solo con cautela, ma anche con attenzione''.

La clonazione, ha affermato il Presidente, non e' solo un problema scientifico ma ''anche una questione morale e spirituale''. ''Dobbiamo resistere alla tentazione fare copie di noi stessi perche' ogni essere umano e' unico'' ha aggiunto Clinton.

Negli Stati Uniti i centri di ricerca che beneficiano di finanziamenti federali gia' non possono condurre ricerche sulla clonazione di esseri umani. Clinton ha voluto cosi' escludere il proseguimento di ricerche non denunciate ufficialmente, come quelle che si svolgono nei laboratori delle industrie farmaceutiche in attesa di leggi piu' specifiche e vincolanti, che potrebbero essere promulgate in seguito al parere della commissione bioetica nazionale atteso entro 90 giorni.

(Ses/Zn/Adnkronos)