CLONAZIONE: MARRAMAO FAVOREVOLE, PATETICO FERMARE LA SCIENZA
CLONAZIONE: MARRAMAO FAVOREVOLE, PATETICO FERMARE LA SCIENZA

Roma, 4 mar. (Adnkronos) - ''Si e' sempre rivelato patetico il tentativo di chi cercava di esorcizzare le conquiste della scienza ponendo delle barriere. E sarebbe sciocco demonizzare le prospettive che puo' aprire la clonazione, anche di quella dell'uomo''. Lo ha detto il filosofo Giacomo Marramao, direttore della Fondazione Basso, a proposito delle polemiche scatenate dagli esperimenti di clonazione su una pecora e su due scimmie.

Il noto intellettuale della sinistra invita a non vedere come ''terrificante'' l'ipotesi che si possa arrivare a clonare l'uomo: ''Sara' inevitabile che prima o poi qualcuno faccia l'esperimento e ovviamente, in questo caso, dovra' essere fatta un'estrema vigilanza, cercando di decantare gli elementi piu' perversi, come quello della ricerca della razza perfetta. Ma e' facile prevedere che una volta compiuto, si scoprira' che l'individuo clonato sara' molto diverso dall'indivuo copia, a parte le sembianze fisiche, perche' e' l'esperienza culturale che lo formera'''.

Le prospettive aperte dalle nuove frontiera della scienza -ha aggiunto il professor Marramao, docente di filosofia della politica all'universita' Roma Tre- possono essere ''un'occasione straordinaria per risolvere alcuni problemi che affliggono l'umanita', come quelli legati alle malattie. Ma potrebbe diventare anche uno strumento di divisione, di nuova oppressione. Si aprono davanti a noi scenari assolutamente nuovi, che pero' non possono essere affrontati con mentalita' ancora ottocentesca. Con le questioni aperte dalla clonazione, l'uomo di fine millennio puo' scegliere pienamente: tutte le possibilita' sono alla nostra portata. Per la prima volta l'uomo si confronta a tutto campo con la dimensione etica''.

(Pam/Zn/Adnkronos)