MOSTRE: RUDOLF NUREYEV A PALAZZO MARINO A MILANO (2)
MOSTRE: RUDOLF NUREYEV A PALAZZO MARINO A MILANO (2)

(Adnkronos) - A Palazzo Marino verranno esposti costumi, bozzetti, abiti di scena, ritratti di Richard Avedon, Ferge Lido, Eve Arnold, Dino Patriali, Lelli e Masotti, immagini che lo ritraggono con i nomi piu' illustri del jet set internazionale, Jaqueline Kennedy, i Rotschild, la famiglia Niarcos, Liz Taylor, Sharon Stone. Non manchera' naturalmente, una sezione di filmati inediti, documentari, brani di balletti, estratti di musical (''The king and I muppets show''), biografie televisive e assemblaggi di video. Momenti della sua vita nelle case di Parigi e New York, nell'isola de Li Galli e di St. Barth.

''Rudy era mostruosamente snob, fanciullo, aveva sofferto la fame..., guai a contraddirlo, chiedeva e otteneva sempre tutto cio' che desiderava''. E' Luigi Pignotti che parla, per circa trent'anni agente, consigliere e amico fedelissimo del famoso artista. ''Devo tutto a Nureyev. E' stato lui a catapultarmi, involontariamente, nel mondo della danza, a farmi amare il teatro. L'ultimo, grande divo prima che l'America inventasse lo star system. Un leader geniale, carismatico, un satellite che girava intorno al mondo. E che trasmetteva energia, incutendo timore e rispetto. Eppure era un uomo estremamente timido, riservato, introverso, sensibilissimo e orgoglioso. Ricordo il giorno in cui doveva danzare alla Casa Bianca di fronte al presidente Ford. Scendendo le scale si slogo' una caviglia. Per la prima volta lo sentii piangere. Fu durissimo, mi afferro' un braccio e mi disse 'Luigi dimentica queste lacrime, tu non hai visto nulla!'''.

La mostra rimarra' aperta fino al 7 aprile e poi andra' a New York, Chicago, San Francisco. ''Abbiamo cercato di ricercare la magia di un teatro del cuore e della mente -conclude Vittoria Ottolenghi- senza che i brandelli di realta' offuschino la memoria di Rudolf Nureyev. Difficile raccontarla attraverso una mostra, se non impossibile perche' Rudy era come il vento. Avete mai provato ad afferrarlo, catturarlo? Magico, impalpabile, effimero''.

(Cap/Pe/Adnkronos)