GIM: MARZOTTO, BEN VENGA UN SOCIO ESTERO
GIM: MARZOTTO, BEN VENGA UN SOCIO ESTERO
VALUTEREMO OPPORTUNITA' PRIVATIZZAZIONI

Roma, 13 mar. -(Adnkronos)- La 'Gim', figlia della fusione Hpi-Marzotto, e' pronta ad accogliere un socio estero ''purche' condivida gli obiettivi di sviluppo'' e valutera' ''caso per caso'', anche se partecipare alle privatizzazioni. Pietro Marzotto, in una intervista a Panorama, spiega i piani di crescita della creatura Hpi-Marzotto, e non esclude anche un aumento del capitale in possesso della famiglia, ora circa il 13 pc: ''Niente di male -osserva- se un azionista che gia' partecipa al sindacato volesse aumentare la propria quota''.

La 'Gim' potrebbe anche interessarsi alle 'vendite di Stato': ''valuteremo ogni investimento in funzione delle sue opportunita' di sviluppo e redditivita'. Quindi caso per caso''. Marzotto rivela poi alcuni retroscena: ''in Marzotto dell'operazione lo sapevamo io, l'amministratore delegato e il direttore finanziario. Poi in dirittura d'arrivo, l'ho detto a qualcuno dei maggiori azionisti della famiglia''. L'idea della maxi fusione ''si e' sviluppata gradualmente, sintesi di riflessioni che mi erano state prospettate da Vincenzo Maranghi''. Il lavoro era iniziato a luglio e Cuccia ''in piena forma e prodigo di utili consigli, ha benedetto il progetto partecipando attivamente alla definizione delle sue linee fondamentali''. Nessuna difficolta' per mantenere il nome Marzotto: ''mi e' stato chiesto sia dalla Mediobanca che da Cesare Romiti''.

La Gim non e' solo tessile, ma anche editoria e, spiega Marzotto, il mercato dell'editoria ''se ben segmentato, orientato, e gestito, puo' essere un settore molto redditizio''. Marzotto giudica il 'Corriere' ''un ottimo giornale, autorevole, ben diretto'' e commenta cosi' la consuetudine secondo la quale sarebbe Gianni Agnelli a scegliere il direttore del quotidiano di Via Solferino: ''Io non ho niente da lasciare a nessuno. E' compito che spetta ai consigli d'amministraziuone delle societa' nominare le cariche sociali e le principali direzioni''.

(Sec/Pn/Adnkronos)