TEATRO: DDL SULLA RIFORMA INIZIA IL SUO VIAGGIO ALLE CAMERE
TEATRO: DDL SULLA RIFORMA INIZIA IL SUO VIAGGIO ALLE CAMERE

Roma, 13 mar. -(Adnkronos)- Dopo l'approvazione in Consiglio dei ministro di venerdi' scorso, il Ddl presentato dal vicepresidente del Consiglio sulla 'Disciplina generale dell'attivita' teatrale' deve adesso affrontare l'esame delle Camere, dove dovra' essere trasformato in legge.

In 39 articoli e' divisa questa che si presenta come la prima legge organica sul teatro presentata in Parlamento. Diversi i punti di forza del Ddl, con una serie di novita': la distinzione delle funzioni attribuite in materia a Stato, regioni e comuni; l'istituzione di un Centro nazionale per il teatro cui passano alcune competenze del Dipartimento dello Spettacolo; l'obbligo per gli stabili e le compagnie di presentare progetti su base triennale per 'accedere' all'intervento pubblico e il riconoscimento e la ridefinizione del ruolo dei teatri pubblici.

Il nuovo Centro nazionale teatro, che dovra' nascere entro 180 giorni dall'entrata in vigore della legge, sara' un Spa con personalita' giuridica e capitale sociale sottoscritto interamente dallo Stato e subentrera' all'Eti. Tra le sue funzioni, quella di attribuire le risorse pubbliche oggi del Fus. Tra le altre finalita' della legge (che si occupa delle ''finalita' pubbliche delle attivita' tealtrali'', dei teatri nazionali, dei ''teatri stabili ad iniziativa pubblica'', dei ''teatri stabili con finalita' cultrali definite'' e del ''sistema delle residenze'') anche la definizone, entro sei mesi dall'entrata in vigore della legge, di due teatri nazionali a Roma e Milano.

(Spe/Pn/Adnkronos)