VERONA: ''FALSTAFF'', TRA GRANDI VOCI E GIOVANI PROMESSE (2)
VERONA: ''FALSTAFF'', TRA GRANDI VOCI E GIOVANI PROMESSE (2)

(Adnkronos) - Questa edizione veronese si caratterizza per essere coprodotta con l'Opera di Budapest, nell'ambito della collaborazione che ha portato con successo all'effettuazione del III Concorso Internazionale di Canto, con finale a Budapest nel gennaio scorso. Quattro sono risultati i vincitori del concorso (al quale dallo scorso anno collabora anche la Fondazione Kyoto Opera) ed esattamente Franco Vassallo (per il ruolo di Ford) Masatoshi Uehara (per il ruolo di Fenton), Dan Paul Dumitrescu (per il ruolo di Pistola) e e Mihaela Stanciu (nel ruolo di Nannetta).

Inoltre anche sei finalisti del Concorso troveranno posto sul palcoscenico: Enrico Marrucci (che sara' Ford il 19), Gergely Nogradi (Cajus il 16, 19, 20 e 23), Giuseppina Piunti e Cinzia Rizzone (Alice, rispettivamente il 16 e 20 ed il 19 e 23), Paola Rossi (Quickly il 19), Milena Josipovic e Viktoria Vizin (Meg, rispettivamente il 16, 20 e 23 ed il 19).

Sul podio direttore Reynald Giovaninetti giunto in sostituzione del giovane direttore ungherese Balazs Kocsar, che ha dovuto rientrare in patria per gravi motivi familiari. L'Ente Lirico, nel rigraziare Kocsar per l'ottimo lavoro svolto con i giovani del concorso, si augura di poterlo avere di nuovo a Verona per future collaborazioni.

La regia dello spettacolo di Susy Attendoli, e' stata progettata da Gianfranco de Bosio riealborando la regia del film ''Falstaff'' di Laszlo Vamos, prematuramente scomparso lo scorso anno.

(Com/Zn/Adnkronos)