STOMACO: ''BRUCIA'' A 3 ITALIANI SU 10
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


STOMACO: ''BRUCIA'' A 3 ITALIANI SU 10
RESPONSABILI ANCHE FUMO E SOVRAPPESO

New York, 16 mag. (Dall'inviato dell'Adnkronos Federica Iannetti) - Tre italiani su 10 soffrono di bruciore di stomaco dovuto a reflusso gastroesofageo, un disturbo causato dal cattivo funzionamento dello sfintere inferiore dell'esofago e da un rallentato svuotamento gastrico per cui si crea un eccesso di acido nello stomaco che tende a ''tornare su''. Di questa patologia, troppo spesso sottovalutata o non diagnosticata come tale, si e' parlato a New York nel corso di una conferenza stampa dal titolo ''Malattia da reflusso gastroesofageo: il punto su una problematica in espansione'', organizzata dall'Unione Nazionale Medico-Scientifica di Informazione (UNAMSI).

''Mentre ormai si conosce quasi tutto di ulcera e gastrite -ha spiegato il prof. Gianfranco Delle Fave, docente di Malattie dell'Apparato Digerente all'universita' La Sapienza di Roma, arrivato da Washington, dove si e' appena concluso un convegno internazionale sul tema- la malattia da reflusso gastroesofageo e' ancora poco conosciuta sia dai medici che dai pazienti. Essa presenta invece sintomi tipici ben precisi quali bruciore di stomaco, dolore toracico e rigurgito, che possono manifestarsi occasionalmente (due tre volte a settimana) o costantemente (una o piu' volte al giorno) e una serie di sintomi atipici quali tosse cronica, asma, singhiozzo e raucedine''. (segue)

(Fei/Pe/Adnkronos)