F1: MARTINI, LA SANZIONE MI SEMBRA ESAGERATA
F1: MARTINI, LA SANZIONE MI SEMBRA ESAGERATA

Roma, 11 nov. -(Adnkronos)- ''E' difficile dare una valutazione di questa cose. Schumacher ha fatto sicuramente un brutto gesto, ma penso che la decisione presa dalla Fia sia esagerata''. Cosi' Pierluigi Martini commenta la sanzione inflitta al pilota tedesco della Ferrari (l'esclusione dalla graduatoria del campionato del mondo di Formula Uno 1997) dal Consiglio Mondiale dello Sport Automobilistico della Fia, che si e' riunito questa mattina al Motor Sport House Rac di Slough.

La gravita' della pena sembra, secondo alcune voci, motivata dalla recidivita' del gesto (nel 1995 Schumi vinse il mondiale dopo una collisione con Damon Hill). ''E' chiaro che lui e' recidivo, lo ha fatto gia' una volta, pero' io credo che togliergli tutti i punti di una stagione non sia giusto. Dietro il lavoro di Schumacher poi c'e' quello di una intera squadra e non e' giusto punire cosi' tutti''. Per Martini la punizione piu' giusta sarebbe stata quella di escludere Scumi dalla graduatoria del Gp, magari squalificarlo per i prossimi due o tre Gran Premi, pero' non togliergli i punti per quello che ha gia' fatto''.

Al contrario di quello che si poteva pensare la Fia non ha comminato al tedesco nessuna multa. Per Martini ''neanche una forte sanzione economica sarebbe stata una soluzione logica, credo che la cosa migliore sarebbe stata quella di dare al pilota una punizione futura e non una a ritroso. Bisogna andare avanti -conclude l'ex pilota della Minardi- guardare indietro non serve a niente''.

(Stg/Pn/Adnkronos)