EGITTO: L'UE SI MOBILITA PER I TURISTI
EGITTO: L'UE SI MOBILITA PER I TURISTI

Madrid, 18 nov. (Adnkronos/Dpa)- All'indomani del massacro di turisti a Luxor, la diplomazia europea di mobilita per sviluppare una strategia comune a protezione dei turisti in Egitto. Fonti diplomatiche di Madrid riferiscono che la Spagna sta prendendo ''in attento esame'' l'ipotesi di invitare i cittadini spagnoli a non visitare la zona a rischio terrorismo compresa tra il Cairo e Luxor. Il ministro degli Esteri spagnolo, Abel Matutes, ha dichiarato che il suo governo intende ''cooperare con gli altri Paesi dell'Unione Europea per proteggere i turisti stranieri in Egitto''.

Dal canto suo, la Svizzera, che ha perso 40 cittadini a Luxor, ha inviato al Cairo il ministro degli Esteri Flavio Cotti e il Consiglio federale si e' riunito d'emergenza sotto la presidenza del presidente della Confederazione, Arnold Koller, appena tornato da un viaggio in Estremo Oriente. L'agenzia elvetica ''Ats'' parla di ''fuggi fuggi'' dall'Egitto con charter speciali della ''Crossair'' partiti per rimpatriare i turisti svizzeri con a bordo ''squadre di assistenza psicologica'' formate da medici della Guardia aerea di soccorso, psichiatri, religiosi e responsabili di agenzie turistiche.

In Gran Bretagna, Paese che ha lamentato sei morti a Luxor, il massacro dei turisti nell'Alto Egitto e' stato oggetto del dibattito di oggi ai Comuni di Londra, nel corso del quale il sottosegretario agli Esteri Douglas Henderson ha dichiarato ''non sicura'' la zona di Luxor ed invitato i turisti britannici ad evitarla. In Italia, diverse agenzie turistiche hanno telefonato alla Farnesina per conoscere la ''linea'' della diplomazia di Roma sul turismo in Egitto: l'Unita' di crisi fa presente che e' stato dichiarato il coprifuoco a Luxor e consiglia ''cautela'' anche al Cairo.

(Lun/Gs/Adnkronos)