SLOVENIA: ''FUORI TUTTI COMUNISTI'', PROPOSTA DI LEGGE
SLOVENIA: ''FUORI TUTTI COMUNISTI'', PROPOSTA DI LEGGE
UN SILURO CONTRO LA 'NOMENKLATURA' DI LUBIANA

Lubiana, 18 nov. (Adnkronos/dpa) - Una generale 'epurazione' dei comunisti per cancellare le tracce del regime totalitario. Questa la clamorosa proposta di due partiti di opposizione in Slovenia, suscettibile di scuotere le fondamenta stesse dell'ex repubblica jugoslava in cui il potere e' ancora concentrato nelle mani della vecchia ''nomenklatura''. Il leader cristiano-democratico Lojz Peterle e quello socialdemcratico Janez Jansa hanno presentato la loro mozione 'rivoluzionaria' in Parlamento proprio mentre i sondaggi danno il presidente postcomunista Milan Kucan favorito per la rielezione nel voto di domenica prossima (gli altri sette candidati non hanno chances reali).

Peterle e Jansa, nel loro siluro contro l'establishment, chiedono inoltre che inchieste giudiziarie accertino il rapporto con il passato regime comunista di ogni titolare di cariche o funzioni pubbliche, dal giornalista al Capo dello sttao. Ogni attivista o ''protetto'' del regime dovrebbe essere successivamente escluso da tali incarichi per cinque anni. ''Solo con una legge del genere - affermano i promotori - la Slovenia potrebbe acquisire una posizione rispettata e pari diritti in seno alla comunita' internazionale''.

(Ses/Pe/Adnkronos)