SPIE: SVIZZERA, INDAGINI SUL RUOLO DELLA STASI
SPIE: SVIZZERA, INDAGINI SUL RUOLO DELLA STASI
IL PARLAMENTO E LE ATTIVITA' DELLA POLIZIA SEGRETA COMUNISTA

Berna, 18 nov. (Adnkronos) - Dopo il ruolo della Svizzera nella Seconda Guerra mondiale, le relazioni con l'ex-Germania dell'Est e le attivit? della Stasi (polizia segreta del regime comunista) in Svizzera devono essere esaminate attentamente. Per questa ricerca, la commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale propone la nomina di uno storico indipendente, a quanto riferisce l'agenzia Ats.

Contro la volont? della sua commissione, il Consiglio nazionale aveva deciso nel giugno 1996, con 80 voti contro 76, di dar seguito a un'iniziativa parlamentare di Walter Frey (deputato dell'Unione democratica di centro). Quest'ultimo chiedeva l'istituzione di un preposto speciale indipendente per far tutta la luce possibile sulle attivit? in Svizzera della Stasi. La commissione del Nazionale ha ora approvato, con 18 voti contro 3, un decreto federale che s'ispira a quello creato per la commissione di esperti Bergier, incaricata di far luce sul ruolo della Svizzera nel Secondo conflitto mondiale. La presidente della commissione Lili Nabholz (Partito radicale) ha tuttavia precisato che si tratta di una ricerca di portata inferiore.

Secondo il progetto della commissione, il Consiglio federale dovrebbe nominare uno storico indipendente, piuttosto che un preposto speciale. L'accesso agli archivi della Stasi ? infatti facilitato in caso di ricerca storica.. La commissione - ha sottolineato ancora la Nabholz - non vuole regolare i conti con la sinistra. La ricerca deve abbracciare anche le relazioni economiche tra la Svizzera e la Germania est.

(Ses/Pe/Adnkronos)