DROGA: CORA, QUANTE MINISTRE BINDI CI SONO AL GOVERNO?
DROGA: CORA, QUANTE MINISTRE BINDI CI SONO AL GOVERNO?

Roma, 21 nov. (Adnkronos)- ''La ministra della Sanita' che sembra avere cosi a cuore i diritti dei cittadini (sulle camere iperbariche coci' come sulla tutela dell'infanzia) e' la stessa che impone limiti alle cure per i tossicodipendenti e alla liberta' terapeutica dei medici?'' . E' quanto si chiede in una nota il Cora (coordinamento radicale antiproibizionista), denunciando che dallo scorso 14 ottobre e' in vigore un decreto del ministro della Sanita' che fissa a 120 mg al giorno la dose massima di metadone prescrivibile ai tossicodipendenti.

''E' un provvedimento -afferma ancora il Cora- incostituzionale che viola i diritti dei cittadini e si fa beffe del referendum del 1993 che ha restituito ai medici la liberta' terapeutica. E' un provvedimento assurdo e antiscientifico, dato che solo il medico puo' stabilire in scienza e coscienza, caso per caso, quale sia la dose di farmaco necessaria ad ogni singolo paziente. In questi mesi, conclude la nota del Cora, abbiamo inviato all'on. Rosy Bindi documenti e proposte, chiedendo a piu' riprese di poterla incontrare, cosi' come abbiamo fatto con i suoi predecessori e con altri suoi colleghi di Governo. Non abbiamo mai ricevuto alcun tipo di risposta, nemmeno un rifiuto. Evidentemente e' il tempo di passare ad azioni concrete: l'on. Bindi sa certamente che su queste cose non parliamo a vuoto''.

(Sin/Zn/Adnkronos)