MAFIA: GEN. ALFIERO, DIA HA SVOLTO RUOLO ASSEGNATO
MAFIA: GEN. ALFIERO, DIA HA SVOLTO RUOLO ASSEGNATO

Bergamo, 21 nov. - (Adnkronos) - ''Ci sono stati da molte parti giudizi altamente elogiativi del nostro lavoro. Penso che la Dia abbia svolto finora il ruolo che gli e' stato assegnato''. Lo ha affermato il gen. Carlo Alfiero, neodirettore della Direzione investigativa antimafia, intervenendo a Bergamo al convegno organizzato dalla Guardia di Finanza.

''E' la prima volta che parlo in pubblico sul lavoro della Dia e devo dire che e' un Corpo giovane e carico di entusiasmo e grinta. Nacque quando si capi' che per combattere la mafia ci voleva una nuova strategia: non combattere i singoli fatti, ma il fenomeno nel suo complesso. Agli inizi degli anni '90 -ha spiegato Alfiero- questo fenomeno era molto inquietante per la sua grande vastezza''.

Alfiero ha spiegato che la Dia e' composta da poco piu' di mille persone e che non ha limite di territorio nella sua azione. Il lavoro e' diviso in tre parti: una preventiva, una di polizia giudiziaria e una legata al crimine internazionale. In questi ultimi anni si e' molto intensificato il coordinamento con le polizie estere. ''Credo che di questi aspetti -ha concluso Alfiero- sia necessario lavorare soprattutto su quello di prevenzione perche' e' il piu' specifico mentre gli altri vengono svolti anche dalle altre forze di polizia''.

(Dra/Zn/Adnkronos)