MAGISTRATURE AMMINISTRATIVE: CARUSO-URGE LA RIFORMA
MAGISTRATURE AMMINISTRATIVE: CARUSO-URGE LA RIFORMA

Lecce, 21 nov. (Adnkronos)- E' assolutamente necessario procedere alla riforma della giustizia amministrativa. Il Parlamento deve darvi corso con assoluta urgenza. Perche' sono venute meno le ragioni che, nello scorso secolo, hanno determinato l'affidamento a ''giudici speciali'' della giurisdizione sulla correttezza dell'operato della pubblica amministrazione. Oggi, nessuno dubita piu' sul fatto che le pubbliche autorita' debbano rispondere del modo in cui esercitano le loro funzioni ad un ''giudice imparziale''. Lo ha detto il Presidente dell'Associazione Nazionale dei Magistrati Amministrativi, Giuseppe Caruso, intervenendo, a Lecce, ad un convegno sulla giustizia amministrativa organizzato in occasione della inaugurazione della facolta' di Giurisprudenza dell'Ateneo salentino.

Non e' dunque piu' possibile -secondo Caruso- ''mantenere, per i mmagistrati amministrativi (Consiglio di Stato, Tar, Corte dei Conti), la commistione di funzioni che, in passato, li ha caratterizzati, e che il vigente ordinamento continua a prevedere soltanto per motivi di vischiosita' storica''. E non si puo' neanche ammettere la ''contaminazione della funzione giurisdizionale con quella di organo ausiliario del Governo, giacche' quest'ultima rimane una funzione ancillare, sia pure di elevato livello, cui non si puo' riconoscere parita' di rango'' con quella giuridizionale.

Ha aggiunto, Caruso, che non hanno fondamento le preoccupazioni delle conseguenze negative che potrebbero scaturire dal rafforzamento dei poteri dell'esecutivo con la riforma della P.A.. Anzi, a suo avviso, un tale rafforzamento puo' trovare il suo naturale contrappeso in quel rafforzamento e in quella razionalizzazione della giurisdizione amministrativa che, raccogliendo l'eredita' del passato, e' chiamata, invece, a rappresentare il fondamentale baluardo della legalita', ''compito che troppo spesso e' stato sinora lasciato, del tutto impropriamente, al giudice penale''.

Da qui la necessita' che il Parlamento vari al piu' presto la riforma della giustizia amministrativa. E quanti ''spingono, in modo corporativo, nel senso del mantenimento dello status quo, dovranno operare alla luce del sole'', rendendo conto dei reali interessi che li muovono.

(Red/Zn/Adnkronos)