MATTEI: IL SEGRETARIO, UN INCIDENTE PROVOCATO?
MATTEI: IL SEGRETARIO, UN INCIDENTE PROVOCATO?
RINO PACHETTI, MEDAGLIA D'ORO PER LA RESISTENZA

Roma, 21 nov. (Adnkronos) - ''Una bomba? Non saprei. Tuttavia non si puo' escludere che sia stato provocato l'incidente dell'aereo sul quale viaggiava Mattei. Ma preferisco non parlare di questa vicenda dalla quale ho avuto soltanto guai. Hanno perquisito due volte la mia abitazione, sono stato interrogato dai magistrati di Pavia. Ho perso il mio piu' caro amico ma nel dolore mi ci trovo da solo''. Lo afferma Rino Pachetti, maggiore partigiano, medaglia d'oro alla Resistenza, ex segretario del Presidente dell'Eni, al quale fu vicino a San Donato Milanese fino a tre mesi prima della morte nel tragico incidente del 27 ottobre del 1962.

Pachetti non crede che Mattei avesse pronunciato prima di morire la frase 'se mi vogliono uccidere, facciano pure'. ''Era un uomo tutto d'un pezzo - aggiunge - di grande coraggio e intelligenza. Era anche molto affettuoso. Il mio rapporto con lui esulava dalle questioni che riguardavano la politica petrolifera italiana, della quale parlava con i suoi consulenti. Certo, di ipotesi ne sono state fatte tante in trent'anni. Vedremo i risultati dell'inchiesta''.

(Gdd/Gs/Adnkronos)