TURCHIA: CENSURA ANTI-ISLAMICA
TURCHIA: CENSURA ANTI-ISLAMICA

Ankara, 26 nov. (Adnkronos/Dpa)- Il Consiglio di sicurezza nazionale (Nsc) di Ankara, organismo a dominanza militare presieduto dal presidente Suleyman Demirel, ha deciso l'introduzione di rigide norme di censura contro le televisioni e radio che trasmettono programmi di natura islamista in Turchia. Un comunicato diramato dal Nsc incarica il Comitato supremo turco per la televisione e la radio (Rtuk) di concedere le frequenze solo alle emittenti che non violino ''i principi fondamentali dello Stato turco'', vale a dire la Costituzione laica introdotta nel 1923 dal padre della patria Mustafa Kemal Ataturk. Dalla sua istituzione nel 1996 fino allo scorso mese di ottobre, l'Rtuk ha gia' imposto 88 provvedimenti di sospensione delle trasmissioni ai danni di emittenti vicine al Partito del benessere (Refah) dell'ex premier Necmettin Erbakan, costretto alle dimissioni a giugno dopo 11 mesi di governo a causa delle pressioni delle Forze Armate ''custodi'' dell'eredita' di Ataturk.

(Lun/Pe/Adnkronos)