BORSA: IN DECISO RIBASSO A FINE MATTINATA
BORSA: IN DECISO RIBASSO A FINE MATTINATA

Milano, 21 gen. -(Adnkronos)- C'e' aria di correzione a Piazza Affari che, dopo un avvio in rialzo conseguente ai nuovi massimi della vigilia e alla chiusura positiva di New York, e' passata in terreno negativo. Non si puo' ancora parlare di un vero storno. Alle 14 gli indici si trovano sui valori minimi: il Mibtel a 18.300 (-1 pc) e il Mib 30 a 26.873 (-1,04 pc). Piu' resistente il Midex (-0,20 pc).

C'e' ancora liquidita' come testimoniano gli scambi superiori ai 2 mila mld di controvalore. Piazza Affari condivide l'indebolimento con le altre Borse europee timorose circa l'apertura di Wall Street dopo la diffusione del dato sulla bilancia commerciale Usa a Novembre. Nel listino vanno ancora bene gli industriali, mentre Eni e bancari guidano la frenata. Viaggia ancora in controtendenza la scuderia Fiat con le ord a 5.710 (+1,28 pc), Ifi priv (+0,69 pc) e Ifil (+0,92 pc).

La palma dei titoli migliori passa oggi in Foro Bonaparte con la riscoperta di Compart (+2,41 pc a 1.315) e Montedison (+1,94 pc a 1.678) a lungo trascurate. Tornando ai segni negativi, Eni si limita a un ribasso frazionale (-0,33 pc a 10.445), piu' o meno come Generali (-0,45 pc a 49.400) mentre proseguono i realizzi su Olivetti con le ordinarie scambiate a 1.315 (-4,50 pc) e con ribassi ancora piu' vistosi sui diritti. Ma e' quello bancario il comparto che soffre di piu'. Banca Roma perde oltre il 5 pc, Pop Milano il 3,76 pc, anche se, secondo gli operatori, l'acquisto di Inabanca sarebbe gia' stato scontato. Perde oltre il 2 pc Comit e, dopo la sua smentita all'interesse per Chiavari e Legnano scivolano pesantemente entrambi questi due titoli: Banco Chiavari perde l'8,85 pc, Legnano il 7,04 pc. (Segue)

(Plu/Zn/Adnkronos)