QUOTE LATTE: COBAS, PPI CONDIZIONA LINEA GOVERNO
QUOTE LATTE: COBAS, PPI CONDIZIONA LINEA GOVERNO

Milano, 21 gen. (Adnkronos)- ''I contratti delle 7000 aziende controllati dalla commissione del generale Lecca sono stati chiusi nelle sedi delle organizzazioni sindacali che hanno avuto emolumenti per il lavoro svolto, dalle 100 alle 500 mila lire a contratto, piu' le mance ai vari responsabili che trovavano le quote fuori regione. I sindacati hanno lucrato e il Ppi li difende. Il ministro Pinto non tira fuori il nome dei coinvolti nell'indagine dal Generale Lecca, e ce ne sono d'importanti, perche' molti sono suoi amici'' E' la denuncia dei Cobas del latte, espressa dal portavoce bergamasco Piersilvano Borrella, dopo l'incontro di oggi a Milano con i responsabili cittadini del Ppi.

''La famosa stalla di piazza Navona aveva un giro di oltre 2 mld all'anno solo d'affitto -aggiunge Borrella- non puo' esser stata gestita da una persona sola, dietro c'era il sindacato e forse qualcosa di piu'; non e' affatto escluso che i soldi servissero per i finanziamenti ai partiti'' adombra il portavoce dei Cobas. Nel giorno dell'esame a Montecitorio del ddl sulle quote latte Borrella non si mostra molto ottimista. ''Lo spazio per la discussione e la modifica del decreto ci sarebbe ma e' il Ppi in questo momento a dettare la linea del governo''. (segue)

(Bdp/Pe/Adnkronos)