SGS-THOMSON: 1.000 POSTI DI LAVORO ENTRO IL 2000
SGS-THOMSON: 1.000 POSTI DI LAVORO ENTRO IL 2000

Parigi, 21 gen. (Adnkronos)- Entro il 2000, incerti del mercato dell'elettronica permettendo, la Sgs-Thomson realizzera' in Italia un nuovo impianto produttivo che dovrebbe creare 1.000 nuovi posti di lavoro. Attualmente il gruppo, nei due siti italiani di Catania e Agrate, da' lavoro a circa 5.500 persone. L'investimento previsto per il nuovo impianto dovrebbe essere nell'ordine dei 1.500 mld di lire.

''La decisione e' stata gia' presa in linea di principio, adesso bisogna definire i termini operativi -ha affermato l'amministratore delegato della Sgs-Thomson Pasquale Pistorio, presentando oggi a Parigi i dati '97 della societa'- anche la decisione della collocazione dell'impianto e' ancora da prendere ma la nostra politica e' sempre stata quella di 'insistere' sulle aree dove gia' operiamo. Personalmente la mia preferenza sarebbe per Catania visto che in quella sede abbiamo migliori condizioni economiche, di ricerca, di competitivita', un costo di engineering inferiore rispetto all'impianto situato al Nord''. Di certo per essere operativo entro il 2000 il nuovo impianto ha bisogno di 2 anni di tempo e la decisione definitiva deve pertanto venire entro quest'anno.

Quanto ai risultati '97 del gruppo italo-francese della microelettronica, fra i principali produttori di semiconduttori al mondo, Pistorio se ne dice soddisfatto nonostante il calo rispetto all'anno precedente: ''nelle condizioni di mercato in cui abbiamo operato il risultato ottenuto ci soddisfa, abbiamo dimostrato non solo di poter essere in utile anche in condizioni difficili ma anche che in un mercato veramente ciclico come il nostro siamo capaci di restare nella fascia alta, ed infatti abbiamo realizzato una produttivita' a quota 10%, tutt'altro che disprezzabile''. (segue)

(Mil/Pe/Adnkronos)