TLC: GAMBERALE, MINISTERO CI NEGA DIRITTO USO DCS (2)
TLC: GAMBERALE, MINISTERO CI NEGA DIRITTO USO DCS (2)

(Adnkronos)- Immediata la risposta del ministero delle Comunicazioni. A darla e' il sottosegretario, Michele Lauria, che riconosce ''l'eccesso di attenzione per gli scenari di liberalizzazione'' e i ritardi, ''che esistono'' nell'avvio della gara. Quanto agli advisor che saranno individuati gia' venerdi' prossimo, servono proprio per evitare gli inconvenienti di quanto successo nel caso del gsm. E poi il gennaio 98 ''non e' l'obiettivo della liberalizzazione, ma la fase di partenza'' ovvero quella ''delle regole non della giungla o del monopolio''. Certo mancano i provvedimenti sul servizio universale e l'interconnessione, che saranno pronti a giorni, ma molto e' stato fatto. E per ottenere questo ci siamo scontrati, ricorda Lauria, con tutti: vecchi e nuovi gestori.

E se Gamberale, insiste il sottosegretario, ''ha legittima- mente problemi connessi al mercato le nostre procedure nascono da preoccupazioni altrettanto legittime. Ritengo opportuno che la sperimentazione vada avanti'', annuncia Lauria spiegando che il ''provvedimento del governo e' equilibrato e ragionevole. Intendiamo difenderlo sia nei conronti dei vecchi che dei nuovi entrati'' dice Lauria sottolineando che alcuni ritardi sono da ricollegare alla volonta' del Parlamento che ha preferito rinviare il via libera alla direttiva Ue 96-2. 'Se lo avesse fatto saremmo avanti di sei mesi'' commenta Lauria. .

''Ma il ministero ha violato i nostri diritti'' lo interrompe Gamberale . ''Lei non puo' utilizzare la liberalizzazione solo quando le conviene'', ribatte Lauria. Aggiungendo: ''La sua societa' e' frutto di investimenti pubblici. Anche se ora e' di privati''. ''Il suo e' un atteggiamento minaccioso'' replica Gamberale alzandosi e lasciando il convegno. (segue)

(Lil/Pe/Adnkronos)