LEGA: PAPALIA CHIEDE RINVIO A GIUDIZIO PER BOSSI E 41 DIRIGENTI
LEGA: PAPALIA CHIEDE RINVIO A GIUDIZIO PER BOSSI E 41 DIRIGENTI

Roma, 29 gen. (Adnkronos) - Il procuratore di Verona Guido Papalia ha chiesto il rinvio a giudizio per Umberto Bossi ed altri 41 dirigenti della Lega nell'ambito della sua inchiesta sulle attivita' del Carroccio. Il gip Carmine Pagliuca non ha ancora fissato la data dell'udienza in cui dovra' prendere la sua decisione. L'inchiesta, durata quasi un anno, ipotizza fra gli altri reati di attentato contro l'integrita' e l'unita' dello Stato, attentato contro la Costituzione, associazione di carattere militare con scopo politico, associazione antinazionale.

Oltre al segretario Umberto Bossi, le richieste di rinvio a giudizio riguardano, fra gli altri gli ex ministri del Carroccio nel governo Berlusconi Roberto Maroni, Francesco Speroni, Vito Gnutti e Giancarlo Pagliarini ed il parlamentare Mario Borghezio. ''Il tempo della ricreazione -commenta Maroni- e' finito. Per la prima volta nella storia della repubblica italiana si fa un processo politico ad un partito di opposizione usando reati inventati da Mussolini ...''.

''Alla Lega nord -sottolinea Maroni- capita oggi cio' che non e' capitato al MSi dopo la liberazione e non e' capitato la partito monarchico. Noi -sottolinea- siamo pronti e decisi: trasformeremo questo processo in un processo al Codice Rocco, ai reati di stampo fascista e ai magistrati come Papalia che vogliono cancellare la liberta' di espressione del pensiero''. (segue)

(Tor/Gs/Adnkronos)