BENI CULTURALI: VELTRONI, PIU' STATO E PIU' PRIVATO
BENI CULTURALI: VELTRONI, PIU' STATO E PIU' PRIVATO

Milano, 3 mar. (Adnkronos) - Piu' Stato e piu' privato per salvare i beni culturali del nostro Paese. La ricetta e' del vicepresidente della Camera Walter Veltroni che oggi a Milano in Assolombarda ha incontrato alcuni rappresentanti del mondo imprenditoriale milanese nell'ambito della seconda edizione del 'Premio Guggenheim'. A Veltroni e' stato presentato un manifesto sottoscritto da Abi, Ania, Confindustria e dalla stessa Assolombarda sul 'Pubblico e privato insieme per l'impresa culturale'.

''La cultura e i beni culturali -si legge nel manifesto- sono stati in passato considerati come temi di cui doveva farsi esclusivo carico il settore pubblico. Da tempo quest'ultimo ritiene che il settore privato possa contribuire a far fronte a tale impegno e i privati riconoscono che le iniziative e gli oneri, anche finanziari, legati alla conservazione e alla valorizzazione dei beni e delle attvita' culturali sono anche di loro interesse''.

''Da alcuni anni -prosegue il manifesto- con una forte accelerazione nell'ultimo biennio, il Governo, con diversi provvedimenti legislativi e amministrativi, ha in concreto teso una mano al settore privato, invitandolo ad affiancare il settore pubblico in questa opera di conservazione e valorizzazione della tradizione e della cultura italiane, viste non solo come tutela di interessi collettivi ma anche come possibilita' di nuovi interventi da parte del settore delle imprese. Imprese non solo erogatrici di liberta' o sponsorizzazioni, ma partecipi di progetti concreti''. (segue)

(Ros/Gs/Adnkronos)