NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE (2) - L'ESTERO
NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE (2) - L'ESTERO

New York. Rispondendo alla risoluzione che minaccia ''gravi conseguenze'' in caso di violazione dell'accordo sottoscritto con Kofi Annan, il regime iracheno, per voce del vice primo ministro Tareq Aziz, ha promesso oggi di ''fare la propria parte'' e rispettare l'intesa. Intanto la Cina ha avvertito che la risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza non e' un ''biglietto'' per il ricorso alla forza contro l'Iraq. Dal canto loro gli Stati Uniti ribattono invece che la risoluzione garantisce ''sufficiente autorita' legale'' all'uso della forza se l'Iraq violera' l'accordo.

Beirut. L'Aeronautica militare israeliana (Iaf) ha lanciato un nuovo raid contro le basi di Hezbollah nel Libano meridionale. I guerriglieri sciiti filo-iraniani della Resistenza islamica hanno attaccato con mitragliatori e lanciagranate la postazione delle Forze di difesa israeliane (Idf) a Dabshe, all'interno della ''Fascia di sicurezza'', occupata da Israele dal 1985. L'attacco di Hezbollah ha scatenato la rappresaglia delle Idf: gli obici da 155 millimetri hanno bombardato i villaggi sciiti a nord della Fascia di sicurezza e la periferia della cittadina di Nabatiyeh, colpendo una zona situata nei pressi di una caserma abbandonata dell'Esercito libanese.

Gerusalemme. Il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha ammonito gli Usa a non presentare unilateralmente un piano di pace. Lo ha riferito oggi la radio di stato. Il timore a Gerusalemme e' che, dopo il fallimento di colloqui riservati israelo-palestinesi volti ad anticipare la fase finale del processo negoziale, Washington possa presentare un suo piano di pace. Israele non esiterebbe a respingerlo, ha avvertito Netanyahu.

Mosca. Boris Eltsin ridefinisce l'intero apparato della sicurezza in Russia. Il Presidente ha nominato Andrei Kokoshin nuovo segretario del Consiglio di sicurezza nazionale, al posto di Ivan Rybkin chiamato ieri a coprire la carica di vice premier incaricato degli affari della comunita' degli Stati indipendenti. Eltsin ha inoltre sciolto il Consiglio di difesa, di cui era Presidente Kokoshin, un organo consultivo del Cremlino creato nel giugno del 1996, quando Alexandr Lebed era segretario del consiglio di sicurezza per limitarne i poteri. Secondo quanto ha riportato il portavoce del Cremlino, Sergei Yastrzhembsky, il Consiglio di sicurezza svolgera' d'ora in avanti anche il ruolo di ispettorato generale delle Forze armate. (segue)

(Sin/Pn/Adnkronos)