SUD: FOSSA, I GIOVANI STUDINO AL NORD PER GESTIRE AL SUD (2)
SUD: FOSSA, I GIOVANI STUDINO AL NORD PER GESTIRE AL SUD (2)

(Adnkronos) - Quarto, punto sottolineato da Confindustria e' la necessita' di ''rafforzare la presenza organica nella didattica universitaria'' di manager e uomini del mondo produttivo. Quinto far nascere una collaborazione piu' stretta tra aziende ed universita' ''per procedere insieme'' anche con ''meccanismi di consultazione sistematica'' tra atenei e mondo dell'industria. Infine Fossa chiede di ''utilizzare meglio i fondi strutturali per la ricerca e sviluppo'' e di predisporre ''sgravi fiscali per attivita' di ricerca commissionata dall'impresa all'universita'''.

Anche sugli sgravi la risposta del ministro Berlinguer non si fa attendere. ''Noi abbiamo introdotto una novita' -dice ricordando le recenti decisioni del governo- il credito di imposta, un abbassamento dei costi fiscali delle imprese che vogliano spendere per la ricerca, per introdurre delle innovazioni. Senza grande burocrazia si rivolgono ad una univerista', ad un ente, e fanno svolgere una ricerca, in quel caso hano la possibilita' di ottenere dei vantaggi fiscali''. Il tutto ''a beneficio della competitivita' del sistema''.

Berlinguer ha ricordato poi le cifre che rendono necessaria una ''scommessa temeraria'' come quella della riforma dell'universita'. ''Il 37% degli studenti e' fuori corso, questa -dice- e' una grave patologia che il sistema ha sempre giudicato normale. In Italia si laurea uno studente su tre, su 100 laureati 87 sono fuori corso. Sono poi alti i tassi di abbandono, al primo anno lascia il 28% degli studenti, al secondo il 16%. Sono quindi le cifre -osserva Berlinguer- che esigono la modernizzazione''.

(Gic/Zn/Adnkronos)