ZANUSSI: IL REGOLAMENTO ANTI-MOLESTIE E' IN BUSTA PAGA
ZANUSSI: IL REGOLAMENTO ANTI-MOLESTIE E' IN BUSTA PAGA

Pordenone, 3 mar. (Adnkronos)- Le lavoratrici (e i lavoratori) della Zanussi hanno un'arma nuova per difendersi dalle molestie sessuali sul posto di lavoro. A ''consiglieri'' di fiducia, nominati dalla Commissione Ipazia per le pari opportunita' su proposta delle organizzazioni sindacali e dell'azienda, viene affidata la ''trattazione informale'' dei casi di molestia. La novita' e' contenuta in una sorta di decalogo stilato dalla Commissione Nazionale Ipazia e distribuito per la prima volta, insieme alla busta paga, ai lavoratori dello stabilimento di Mel (Belluno). Con le buste del prossimo mese il regolamento arrivera' a tutti gli oltre 13 mila dipendenti della Zanussi.

Nel testo si legge che la molestia sessuale costituisce un ''illecito disciplinare'' come il compiere ''atti di ritorsione contro chi denuncia'' comportamenti di questo tipo. Le dipendenti molestate da capi i colleghi (ma e' prevista anche la molestia ai danni del lavoratore maschio) potranno rivolgersi ai ''consiglieri'' per ricevere consulenza e assistenza e per avviare la procedura informale. Questi ultimi, per risolvere la questione, possono chiedere l'intervento di esperti esterni, sentire l'autore della molestia, raccogliere testimonianze e ''proporre alle parti interessate soluzioni atte a far cessare il comportamento denunciato, a rimuoverne gli effetti e a impedirne il ripetersi''. (segue)

(Ats/Gs/Adnkronos)