EDITORIA: GIULIETTI, DA 'BICAMERALINA' SOLO UN PARERE
EDITORIA: GIULIETTI, DA 'BICAMERALINA' SOLO UN PARERE

Roma, 3 mar. (Adnkronos) - Sono ingiustificati gli allarmissmi suscitati da un emendamento inserito nel parere della 'bicameralina' e riguardante la liberalizzazione tra un anno del commercio anche nel settore dei giornali. Prima di allora, infatti, sara' con tutta probabilita' approvato il provvedimento sulla sperimentazione di nuovi punti vendita per giornali e periodici. E in queste ore il ministro Bersani e il dipartimento dell'Editoria definiranno una posizione comune. A spiegarlo e' Giuseppe Giulietti, relatore del provvedimento riguardante la fine del monopolio delle edicole, attualmente in discussione nella Commissine Cultura della Camera, ''con molte possibilita' di ottenere la sede legislativa''.

''Si e' sparso un certo allarme in questi giorni -ha detto Giulietti- tra edicolanti e parti sociali per una presunta decisione della cosiddetta 'bicameralina'. In realta' la commissione ha solo voluto segnalare nel parere inviato al ministro la necessita' di avviare anche nel settore della vendita dei giornali un processo di liberalizzazione e che, in assenza di altri provvedimenti, le edicole dovrebbero essere incluse nel regime di liberalizzazione il prossimo anno. Va da se' che questo avverrebe solo in assenza di un'apposita legge e penso che il ministro dell'Industria e il dipertimento dell'Editoria stiano gia' definendo una posizione comune. La sede per l'approvazione della nuova legge c'e' ed e' la commisisone Cultura, dove martedi' prossimo riprendera' l'iter del ddl governativo sulla sperimentazione con le audizioni dei sindacati degli edicolanti, della Fieg, dell'Uspi e delle associazioni dei distributori. Sarebbe del resto incomprensibile una qualsiasi altra ipotesi visto che nella commissione di merito si e' registrata una larga convergenza tra maggioranza ed opposizione''.

(Nex/Gs/Adnkronos)