NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE (2) - L'ESTERO
NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE (2) - L'ESTERO

Parigi. Migliaia di francesi scendono in piazza in una moltitudine di manifestazioni contro le alleanze tra il centro destra e il Fronte nazionale di Le Pen. Dopo i casi di elezioni di presidenti regionali con i voti dell'estrema destra, il Paese si mobilita, a Parigi e in mnumerosi altri centri. Il premier Jospin invita i ministri a non partecipare alle manifestazioni, ''lasciandole ai cittadini e ai responsabili dei partiti''. L'opposizione ha gia' accusato la sinistra al governo di sfruttare le difficolta' della destra.

Belfast. L'assassinio di un ex poliziotto inglese a Armagh rischia di far fallire definitivamente i negoziati di pace sull'Ulster. A fare le spese del nuovo rigurgito di violenza e' stato l'ex agente Cyril Stewart, colpito a morte dai colpi di pistola sparati da due uomini con il volto coperto da passamontagna mentre usciva con la moglie da un supermercato di Armagh. La polizia locale e l'esercito inglese hanno dato il via ad una vera e propria caccia all'uomo per catturare gli assassini. Anche se l'imboscata non e' stata rivendicata, i leader unionisti non hanno perso tempo ad accusare l'Esercito repubblicano irlandese (Ira), chiedendo a Londra l'immediata e definitiva espulsione degli indipendentisti del Sinn Fein dal tavolo dei negoziati.

Kiev. Elezioni legislative domani in Ucraina dove il Partito comunista seguito dai nazionalisti moderati del 'Rukh' (Movimento) dovrebbe guadagnare, secondo quanto indicato dagli ultimi sondaggi, la maggioranza dei 450 seggi della ''Verkhovna Rada''. Un risultato che, se confermato, segnera' una svolta non solo nella politica interna, ma anche negli equilibri geopolitici in Europa. Sono 37 milioni gli aventi diritto al voto in Ucraina, un Paese che dalla dissoluzione dell'Unione Sovietica, rimane in bilico, fra est e ovest.

Minsk. Si terra' a Mosca dal 28 al 29 di aprile il vertice dei capi di Stato della Comunita' degli Stati indipendenti, slittato due settimane fa a causa della malattia del presidente Boris Eltsin, colpito da una influenza respiratoria acuta. Lo preannuncia il segretariato della Csi a Minsk, precisando che l'unico dei 12 Paesi membri della Comunita' che deve ancora confermare la nuova data e' la Kirghizia.

Teheran. Il ''nuovo corso'' iraniano passa anche per la chirurgia plastica. Il ''Times'' di Londra, in una corrispondenza da Teheran, riferisce di un boom delle plastiche al naso, dei face-lift e degli impianti di silicone al seno. La capitale della Repubblica Islamica, informa il giornale londinese, ha 60 chirurghi plastici che eseguono 300 operazioni al naso la settimana, per un costo di poco superiore ai due milioni di lire. Il classico naso ricurvo persiano e' ormai fuori moda, specialmente tra le classi piu' abbienti di Teheran nord, e -sostiene il Times- anche chi e' affezionato al proprio organo olfattivo finisce per ritoccarlo per non far pensare ai vicini di non poterselo permettere. (segue)

(Sin/Zn/Adnkronos)